logo ANUU Migratoristi
ok
invio mail
ok

LA CUCINA

ULTIMA ORA

PAPPARDELLE AL RAGÙ DI CINGHIALE


(04/11/2022)
Ingredienti (per circa 4 persone)
Per la pasta (pappardelle all’uovo tirate a mano): 400 gr di farina 00, 4 uova (a temperatura ambiente), sale.
Per il ragù: 500 g di cinghiale, 50 ml circa di olio extravergine d’oliva, sale e pepe, ½ bicchiere di vino rosso 
di qualità, 1 scalogno, 2 rametti di rosmarino, 2 rametti di salvia, 250 g di pomodoro concentrato.
 
Preparazione
Pasta: versare la farina a fontana, rompere le uova nel mezzo e aggiungere un pizzico di sale. 
Sbattere le uova con una forchetta amalgamando piano la farina. Continuare a lavorare con le 
mani fino a quando l’impasto avrà raggiunto una consistenza soda ed elastica e un aspetto 
omogeneo. Lasciare riposare per circa mezz’ora. 
Poi dividere l’impasto in due parti uguali e stendere le parti con il mattarello fino ad ottenere 
due sfoglie di circa 1 mm e mezzo di spessore. 
Arrotolare quindi le sfoglie e tagliarle formando delle strisce di 2-3 cm di larghezza. Basta 
srotolarle ed ecco pronte le pappardelle, da cuocere pochi minuti in una pentola con abbondante 
acqua salata.
Ragù: macinare la carne di cinghiale insieme agli odori (scalogno, rosmarino, salvia). 
Versare nel tegame l’olio, aggiungere la carne macinata con gli odori, salare e pepare. 
Rosolare bene la carne e, in seguito, bagnarla con vino rosso. 
Quando il vino inizia a ritirarsi aggiungere 250 g di concentrato di pomodoro e cuocere 
a fuoco lento, mescolando continuamente fino a ultimazione di cottura. 
Ultimata la cottura della pasta, scolarla e versarla in una zuppiera. Aggiungere il ragù, 
girare per amalgamare bene il sugo con le pappardelle e impiattare subito con un bel 
rametto di rosmarino fresco come ornamento.

FAGIANO IN SALMÌ


(04/11/2022)

Ecco un’interessante ricetta “trovata” in occasione della Sagra degli Uccelli di Cantello (VA). Innanzitutto preparate la salsa. Levate i fegatini del fagiano (ai quali potete aggiungere anche alcuni fegatini di pollo), tritateli finemente insieme ad un piccolo spicchio d’aglio, mezza cipolla, un pizzico di foglie di salvia e di maggiorana e 5 bacche di ginepro. Mettete tutto nel mortaio e pestate bagnando con mezzo bicchiere di brodo. Passate al setaccio di ferro e mettete al fuoco in una casseruolina con 100 g di burro, un cucchiaino di farina, una grossa presa di spezie miste, sale quanto occorre, quindi bagnate con un quarto di litro di vino rosso generoso; fate sobbollire a fuoco moderato finché la salsa abbia raggiunto una giusta densità. Vuotate il fagiano dopo averlo spennato; lardellatelo con cura, salatelo all’interno, legatelo, pennellatelo con burro fuso, salatelo anche fuori e mettetelo in casseruola con burro e lardo tagliato a dadolini: fatelo rosolare da tutti i lati, quindi bagnatelo con abbondanti spruzzate di brodo caldo; aggiungete una mestolata di brodo tutto in una volta, coprite e fate cuocere a fuoco dolce per circa 40 minuti, voltandolo diverse volte per dargli cottura uniforme. Sistemate il fagiano sul piatto da servizio, dopo averlo tagliato e ricomposto, mascherandolo con la salsa che avete pronta da parte. Buon appetito!

SPEZZATINO DI CAPRIOLO


(04/11/2022)

Ingredienti
800 g di spalla di capriolo, 400 g di pomodori, 300 g di porcini, 60 g di strutto, 5 dl di vino rosso, 1 cucchiaio di prezzemolo tritato, 2 rametti di timo, 2 foglie di alloro, ½ arancia, 1 pezzetto di peperoncino piccante, peperoncino in polvere e sale.
 
Preparazione
Tagliare la spalla di capriolo a pezzi e metterla in una terrina. Coprire con il vino rosso, unire il timo, le foglie di alloro, la scorza grattugiata della mezza arancia e un pezzettino di peperoncino. Mettere un coperchio e lasciare marinare per circa 6 ore. Lavare i pomodori e passarli al passaverdura. Pulire i porcini, tagliarli a fettine e saltarli in padella con un cucchiaio di strutto per alcuni minuti aggiustando poi di sale. In un’altra padella fare rosolare bene i pezzi di capriolo con lo strutto rimasto e, quando saranno dorati, metterli in una casseruola e unirvi il vino della marinata filtrato con un colino. Fare evaporare il vino a calore moderato, poi aggiungervi i porcini, la polpa di pomodoro, un pizzico di sale, e un peperoncino in polvere. Bagnare con 5 dl di acqua e coprire continuando la cottura a fuoco basso per circa un’ora. Se la salsa si addensa troppo aggiungere qualche cucchiaio di acqua calda. Disporre i pezzi di carne su un piatto da portata caldo, condirli con la salsa e spolverizzarli di prezzemolo tritato.

LEPRE IN SALMI’


(01/04/2022)

Ingredienti
1 lepre, 1 bottiglia di vino rosso corposo, 2 carote, 4 cipolline, 2 coste di sedano, 4 spicchi d’aglio, timo, maggiorana, salvia, alloro, sale e pepe, farina bianca q. b., 50 g di pancetta tritata, ¼ di litro di panna
Preparazione
Pulite la lepre e tagliatela a pezzi, conservando sangue, polmoni, cuore e fegato. Mettetela a marinare col vino e gli odori, salando e pepando, per 24 ore. Quindi asciugate i pezzi di carne, infarinateli e rosolateli con le cipolline affettate e la pancetta. Aggiungete sangue, cuore, polmoni e fegato. Controllate il sale e il pepe. Lasciate quindi cuocere i pezzi di lepre per 1 ora, quindi aggiungete, un po’ per volta, il vino e la marinatura, mescolando il tutto. Proseguire la cottura per 1 o 2 ore, tenendo il coperchio sul tegame. Quando la lepre è pronta, passate al setaccio il fondo della marinatura, che rimetterete nel tegame sopra i pezzi di lepre, incorporandovi la panna. Lasciate insaporire un momento, poi servite il piatto caldissimo.

PETTO DI GERMANO ALL’ ARANCIA E MIELE
(01/04/2022)

Ingredienti (per 6 persone)
4 petti di germano, 4 arance non trattate, 2 cucchiai di miele liquido, 200 gr. di riso Basmati, sale e pepe
Preparazione
Lavate ed asciugare le arance, pelatene due a vivo e tagliatele a spicchi recuperando il succo; le altre due spremetele unendo il succo a quello recuperato. Cuocete i petti di germano in una padella antiaderente, senza aggiungere dei grassi, per 6 minuti per lato salando e pepando. Quindi togliete la carne e tenetela in caldo. Aggiungete il succo d’arancia nella padella, deglassando il fondo di cottura. Portate tutto ad ebollizione aggiungendo il miele e mescolate la salsa per circa 10 minuti lasciandola cuocere. Quindi unite gli spicchi d’arancia controllando il sale ed il pepe. Aggiungete i petti di germano completando la cottura per qualche minuto. A questo punto tagliate i petti di germano a fettine non troppo sottili che porrete nei piatti individuali irrorandole con la salsa. Completate il piatto con un contorno di riso Basmati bollito, condito col succo di cottura.

PAPPARDELLE CON RAGU’ AL CINGHIALE


(31/03/2022)

Le pappardelle con ragù al cinghiale sono un piatto tipico della Maremma, un territorio che si estende principalmente nel sud della Toscana ma arriva a comprendere anche il nord del Lazio. Questo piatto viene preparato in quasi tutte le zone dove si effettua la caccia al cinghiale, quindi prevalentemente nell’Italia Centrale. Per gli amanti della cacciagione, questo piatto rappresenta un tipico esempio di come utilizzare la polpa di cinghiale per ottenere un buonissimo sugo da abbinare alle pappardelle. Il cinghiale prima di essere cucinato richiede una buona marinatura in un vino locale e moltissimi aromi tipici della costa tirrenica come l’alloro, il rosmarino o il ginepro.
Ingredienti
500g pappardelle, 400g passata di pomodoro, 500g carne di cinghiale tagliata a pezzetti, ½ l di vino rosso, 2 carote, 2 cipolle, 2 coste di sedano, 1 spicchio d’aglio, alloro q.b., rosmarino, prezzemolo, chiodi di garofano, bacche di ginepro, olio extravergine d’oliva, sale e pepe.
Preparazione
Tagliare la carne del cinghiale a pezzi, metterla in un tegame ed aggiungere il vino rosso, aglio, carota, cipolla, sedano. Coprire il tegame con pellicola trasparente e far marinare il tutto per almeno 12 ore in frigorifero. Scolare la carne dalla marinatura, tagliare la carne ulteriormente in piccoli pezzi. Preparare il soffritto, tritare bene sedano, carota e cipolla e mettere il tutto in un tegame con dell’olio. Rosolare per qualche minuto a fuoco alto fino a quando la carne non assume un colore uniforme, sfumare col vino rosso. Aggiungere la passata di pomodoro, sale, pepe e mescolare con un mestolo. Bollire le pappardelle in abbondante acqua e una volta cotte aggiungere il ragù di cinghiale preparato in precedenza. Accompagnare con un vino rosso di buon corpo.

Top
COOKIE
Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza sul sito. I cookie ci permettono di garantire le funzionalità fondamentali per la sicurezza, la gestione della rete e l’accessibilità del sito. I cookie migliorano l’usabilità e le prestazioni attraverso varie funzionalità come ad esempio le impostazioni della lingua, i risultati delle ricerche e quindi migliorano la tua esperienza.
Se vuoi saperne di più clicca qui: Cookie policy
Indispensabili  
 locked
Funzionalità  
Performance