logo ANUU Migratoristi
ok
invio mail
ok

INCONTRI

ULTIMA ORA

ANUU MIGRATORISTI CALABRIA

(07/06/2024)

Il corso per conduttore di cane limiere e operatore di girata promosso da Anuu Migratoristi insieme ad Arci Caccia è stato un successo, a dimostrazione che le sinergie tra Associazioni venatorie, quando avvengono,  portano copiosi frutti al pianeta caccia.
Una due giorni a Lamezia Terme che ha visto la partecipazione di 150 cacciatori di entrambe le Associazioni Venatorie, che in quel contesto di formazione sono stati una cosa sola.
Apprezzati ed applauditi gli interventi in apertura dei lavori, da parte del Presidente Reg.le Arciacaccia Andrea De Nisi, del Presidente Reg.le  Anuu Migratoristi Bruno Zema e del Vice-Presidente Nazionale Anuu Migratoristi Giorgio Panuccio.
Nei loro interventi hanno messo in risalto il ruolo della formazione che deve saper intercettare il cambiamento che c’è in atto nel mondo venatorio, per creare degli specialisti, indispensabili nel contenere l’emergenza di sovrappopolazione di cinghiali nella nostra Regione con PSA attiva.
In particolare Giorgio Panuccio nel suo intervento ha messo in rilievo che questo corso s’inquadra in un contesto di formazione continua che l’Europa ormai ci chiede da tempo, auspicando che lo stesso sia vissuto come un’opportunità per migliorare le conoscenze che potenzino l’azione di depopolamento sulla specie cinghiale ormai non più rinviabile. Ha sottolineato inoltre l’importanza della coesione tra Associazioni venatorie che di fatto aiutano a gestire meglio e con più efficacia le problematiche in campo venatorio, stigmatizzando le politiche divisive promosse ultimamente da qualche associazione venatoria in Calabria.
La presenza del dott. Giorgio Piraino e della sua comunicazione sulla PSA in Calabria ha arricchito il corso, e i due docenti, del calibro di Demos Morellini e Remo Calcagno, hanno fatto brillantemente il resto.
Un successo sia nella didattica erogata che nella perfetta organizzazione logistica, attestato alla fine da centinaia di corsisti che si sono complimentati con entrambe le Associazioni venatorie per la riuscita dell’iniziativa.

65ª ASSEMBLEA NAZIONALE ANUUMIGRATORISTI 

(20/5/2024)

Alla presenza di oltre 180 dirigenti provenienti da tutta Italia, nel pomeriggio di venerdì 17 e nella mattinata di sabato 18 maggio si sono svolti, presso il Winter Garden Hotel di Grassobbio (BG), i lavori della 65ª Assemblea nazionale dell’ANUUMigratoristi intitolata “CACCIA: UNA PASSIONE AL SERVIZIO DELLA SOCIETÀ”, assemblea dedicata al tema della comunicazione.
Nel pomeriggio di venerdì 17 si sono tenute le riunioni della Commissione Cinofila, del Comitato Giovani e di tutti i Presidenti provinciali e regionali che hanno fatto il punto sulle diverse problematiche faunistico-venatorie e le molteplici attività in corso e in programma svolte per affrontarle, comprese la modifica della legge 157/92, i calendari venatori, le deroghe e le vicende legate alla PSA.
Nella mattinata di sabato 18, l’Assemblea ha quindi affrontato l’ordine del giorno assolvendo agli obblighi statutari, approvando la relazione del Presidente Marco Castellani e i bilanci.  
Ferdinando Ranzanici ha presentato il Premio Internazionale Ambiente ANUU, premiando i cinque migliori progetti del 2023.
Durante la mattinata, è stato proiettato il Docufilm “Atalántē custodi dell'equilibrio naturale”, realizzato dall’ANUU Lombardia, che sarà diffuso il più possibile a livello istituzionale e mediatico, che aiuterà a lavorare per garantire un futuro che rispetti e riconosca la cultura venatoria, le radici, le tradizioni e i valori, perché non sono superati, inutili o addirittura dannosi come qualcuno sostiene, ma rappresentano invece un bene per l’ambiente e per tutta la società che non deve più intendere i cacciatori come un problema, bensì rendersi conto del valore, dell’utilità di essere risorsa civile, ambientale ed economica. Essere cacciatori vuol dire anche lavorare concretamente per l’ambiente, per essere tra la gente e per la gente, per essere tutti cittadini migliori.
Molto interessanti e seguiti con interesse gli interventi degli ospiti: l’On. Francesco Bruzzone, il Sottosegretario con delega Sport e Giovani della Regione Lombardia Lara Magoni e il Consigliere regionale Pietro Macconi.
Al termine dei lavori il Presidente Castellani ha ringraziato tutti i Dirigenti territoriali, nazionali e tutta la base associativa per l’aiuto fondamentale offerto nel seguire le molteplici problematiche faunistico venatorie e ha ricordato come le prossime sfide che attendono il mondo venatorio a livello europeo sono dossier complessi:
Grandi Carnivori, Piombo (divieto zone terrestri), PAC post 2027 (Politica Agricola Comune) e Key Concepts in materia di specie migratorie. La richiesta dell’ANUUMigratoristi è che questi principi e la realtà che oggettivamente rappresenta la caccia oggi, trovino riconoscimento nei programmi politici per il futuro impegno legislativo a Bruxelles e a Strasburgo.
 

LA BECCACCIA ENTRA A SCUOLA


(19/03/2024)

Nell’ambito di un progetto scientifico culturale, promosso da due Istituti scolastici di Palmi (RC), il De Zerbi-Milone e S. Francesco, riservato a tutti gli allievi che frequentano la terza media, il 18 marzo si è parlato di alcune specie selvatiche e delle loro caratteristiche. In particolare la divulgazione scientifica ha riguardato tre specie: Beccaccia, Cinghiale e Coturnice siciliana, ed è stato chiesto ai dirigenti di tre Associazioni Venatorie riconosciute di relazionare su questi selvatici. Per la nostra Associazione Venatoria la relazione è stata tenuta dal nostro Vice-Presidente Nazionale Giorgio Panuccio, che ha interessato i giovani partecipanti all’evento parlando della Scolopax rusticola, il quale, anche con il supporto di slide, ha dettagliato in maniera esaustiva la Beccaccia sia dal punto di vista etologico che venatorio. Gli allievi, unitamente ai loro insegnanti, hanno seguito con molto interesse e curiosità questa divulgazione scientifica, ed in certi frangenti apparivano rapiti da ciò che ascoltavano riguardo le abitudini di vita di queste specie selvatiche. Certamente, grazie alla lungimiranza dei due Dirigenti scolastici e con il supporto dell’avv. Pezzani, che hanno fortemente voluto e sostenuto questo progetto, si è scritta una bella pagina di cultura sulla fauna selvatica. Alla conclusione della giornata di formazione a tutti gli allievi sono stati consegnati doni portati dalle associazioni venatorie.
 

NORMATIVA VENATORIA:
PUNTO FERMO DELL’ANUU MIGRATORISTI
(18/03/2024)

Sabato 17 febbraio si è svolto, presso l’auditorium delle scuole medie di San Vigilio di Concesio (BS), un incontro sui richiami vivi che ha visto una grande partecipazione a testimonianza dell’importanza dell’argomento trattato e di come sia radicata nel territorio lombardo la cultura sulla migratoria: segno di una storia che racconta la passione e l’importanza di questa tradizione e come questa voglia essere ancora protagonista fondamentale di un presidio a salvaguardia del territorio. L’ANUU ha voluto mettere un punto fermo sulla situazione attuale, soprattutto alla luce delle ultime modifiche della legge regionale, con riferimento agli anellini da apporsi ai richiami vivi, alla normativa europea rispetto alle ultime sentenze del Consiglio di Stato e alle proposte di modifica della legge nazionale che regola l’attività venatoria. A dare il benvenuto è stato il Sindaco di Concesio, Agostino Damiolini, che ha sottolineato lo stretto rapporto tra amministrazione, cacciatori e territorio, ricordando il fondamentale contributo che i cacciatori danno per l’ambiente. Hanno poi preso la parola i consiglieri regionali, Pietro Macconi e Floriano Massardi, illustrando le ultime modifiche regionali, dalla banca dati agli anellini, fino alle valutazioni di incidenza per gli appostamenti fissi e alla difficoltà di attuazione di queste modifiche. Dopo otto mesi dalla loro approvazione, superato lo scoglio dell’impugnativa, i risultati pratici sono minimali: la speranza e l’impegno è quello di pressare gli uffici regionali perché diano una accelerata agli atti, in modo da consegnare gli anellini prima dell’apertura della stagione venatoria. Sottolineato in vari passaggi e di fondamentale importanza è l’invio da parte di Regione Lombardia, entro il termine di legge del 30 aprile, della richiesta a Ispra per il prelievo in deroga, sia per la difesa delle colture agricole sia per gli usi e tradizioni del territorio, ma soprattutto per l’attivazione degli impianti di cattura a scopo di rifornimento dei richiami vivi. L’intervento dell’On. Francesco Bruzzone ha poi toccato fondamentalmente due punti: la sentenza del Consiglio di Stato inerente alla piccola quantità che Ispra deve obbligatoriamente fornire, in modo che le Regioni possano finalmente applicare quanto previsto per il prelievo in deroga e per la cattura dei richiami vivi. Battaglia durata sette anni, che di fatto offre uno strumento fondamentale per l’applicazione della deroga, come avviene nel resto d’Europa. E proprio sulle modalità e le tempistiche con cui è stata comunicata la messa in mora dello Stato italiano da parte dell’UE, inerente alla questione zone umide-piombo, con l’informativa prima comunicata ad alcune associazioni ambientaliste e successivamente al Governo, è stato un aspetto che si dovrà chiarire nella prossima legislatura europea. Il secondo punto affrontato da Bruzzone, sono le proposte di modifica della legge nazionale che regola la caccia: queste riguardano l’eliminazione della forma di caccia in via esclusiva, l’utilizzo dei visori notturni, la parificazione delle abilitazioni specialistiche per la caccia di selezione su tutto il territorio nazionale, l’eliminazione dei giorni di silenzio venatorio, fino alla certezza dei calendari venatori, con possibilità di legiferare per legge e con validità pluriennale, come avviene in quasi tutti i paesi Europei. Il tecnico Dario Buscema ha poi illustrato i passaggi fondamentali di modifica della legge nazionale, sottolineando gli aspetti giuridici che caratterizzano la proposta con le relative prospettive che ne derivano. A chiudere l’incontro è stato il Presidente nazionale ANUU, Marco Castellani, che ha elencato le iniziative della Cabina di Regia, un percorso unitario delle Associazioni venatorie con obiettivo finale l’inversione di una situazione negativa che si trascina da anni, rilanciando l’importanza della figura del cacciatore per l’ambiente.

INCONTRO ANUU PIEMONTE


(16/03/2024)

 La partecipazione all’incontro organizzato dal Presidente regionale ANUU Piemonte Alessio Abbinante, che si è svolto venerdì sera 15 marzo presso l’Hotel Rivarolo in Rivarolo Canavese (TO), è stata massiccia.
In discussione la riforma della Legge n.157/92, la l.r. n. 5/18 e il Calendario venatorio per la stagione 2024/25. Moderatore dell’incontro il Presidente Nazionale ANUU Marco Castellani. I cacciatori piemontesi sono pronti ad affrontare le nuove, future sfide motivati dalla loro grande passione per la caccia.
Top
COOKIE
Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza sul sito. I cookie ci permettono di garantire le funzionalità fondamentali per la sicurezza, la gestione della rete e l’accessibilità del sito. I cookie migliorano l’usabilità e le prestazioni attraverso varie funzionalità come ad esempio le impostazioni della lingua, i risultati delle ricerche e quindi migliorano la tua esperienza.
Se vuoi saperne di più clicca qui: Cookie policy
Indispensabili  
 locked
Funzionalità  
Performance