logo ANUU Migratoristi
ok
invio mail
ok

INCONTRI

ULTIMA ORA

NORMATIVA VENATORIA:
PUNTO FERMO DELL’ANUU MIGRATORISTI





(21/02/2024)

Sabato 17 febbraio si è svolto, presso l’auditorium delle scuole medie di San Vigilio di Concesio (BS), un incontro sui richiami vivi che ha visto una grande partecipazione a testimonianza dell’importanza dell’argomento trattato e di come sia radicata nel territorio lombardo la cultura sulla migratoria: segno di una storia che racconta la passione e l’importanza di questa tradizione e come questa voglia essere ancora protagonista fondamentale di un presidio a salvaguardia del territorio. L’ANUU ha voluto mettere un punto fermo sulla situazione attuale, soprattutto alla luce delle ultime modifiche della legge regionale, con riferimento agli anellini da apporsi ai richiami vivi, alla normativa europea rispetto alle ultime sentenze del Consiglio di Stato e alle proposte di modifica della legge nazionale che regola l’attività venatoria. A dare il benvenuto è stato il Sindaco di Concesio, Agostino Damiolini, che ha sottolineato lo stretto rapporto tra amministrazione, cacciatori e territorio, ricordando il fondamentale contributo che i cacciatori danno per l’ambiente. Hanno poi preso la parola i consiglieri regionali, Pietro Macconi e Floriano Massardi, illustrando le ultime modifiche regionali, dalla banca dati agli anellini, fino alle valutazioni di incidenza per gli appostamenti fissi e alla difficoltà di attuazione di queste modifiche. Dopo otto mesi dalla loro approvazione, superato lo scoglio dell’impugnativa, i risultati pratici sono minimali: la speranza e l’impegno è quello di pressare gli uffici regionali perché diano una accelerata agli atti, in modo da consegnare gli anellini prima dell’apertura della stagione venatoria. Sottolineato in vari passaggi e di fondamentale importanza è l’invio da parte di Regione Lombardia, entro il termine di legge del 30 aprile, della richiesta a Ispra per il prelievo in deroga, sia per la difesa delle colture agricole sia per gli usi e tradizioni del territorio, ma soprattutto per l’attivazione degli impianti di cattura a scopo di rifornimento dei richiami vivi. L’intervento dell’On. Francesco Bruzzone ha poi toccato fondamentalmente due punti: la sentenza del Consiglio di Stato inerente alla piccola quantità che Ispra deve obbligatoriamente fornire, in modo che le Regioni possano finalmente applicare quanto previsto per il prelievo in deroga e per la cattura dei richiami vivi. Battaglia durata sette anni, che di fatto offre uno strumento fondamentale per l’applicazione della deroga, come avviene nel resto d’Europa. E proprio sulle modalità e le tempistiche con cui è stata comunicata la messa in mora dello Stato italiano da parte dell’UE, inerente alla questione zone umide-piombo, con l’informativa prima comunicata ad alcune associazioni ambientaliste e successivamente al Governo, è stato un aspetto che si dovrà chiarire nella prossima legislatura europea. Il secondo punto affrontato da Bruzzone, sono le proposte di modifica della legge nazionale che regola la caccia: queste riguardano l’eliminazione della forma di caccia in via esclusiva, l’utilizzo dei visori notturni, la parificazione delle abilitazioni specialistiche per la caccia di selezione su tutto il territorio nazionale, l’eliminazione dei giorni di silenzio venatorio, fino alla certezza dei calendari venatori, con possibilità di legiferare per legge e con validità pluriennale, come avviene in quasi tutti i paesi Europei. Il tecnico Dario Buscema ha poi illustrato i passaggi fondamentali di modifica della legge nazionale, sottolineando gli aspetti giuridici che caratterizzano la proposta con le relative prospettive che ne derivano. A chiudere l’incontro è stato il Presidente nazionale ANUU, Marco Castellani, che ha elencato le iniziative della Cabina di Regia, un percorso unitario delle Associazioni venatorie con obiettivo finale l’inversione di una situazione negativa che si trascina da anni, rilanciando l’importanza della figura del cacciatore per l’ambiente.

LOMBARDIA - CORSO PER ASPIRANTI CACCIATORI ONLINE




(11/01/2024)

Inizia il corso a distanza per conseguire l’abilitazione venatoria. Qualsiasi residente della Regione Lombardia può partecipare e può sostenere l’esame nella Provincia che meglio preferisce. Per ulteriori informazioni e/o iscrizioni contattare 3202455248 – anuugardonevt@gmail.com

PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI MARCO CASTELLANI
"A CACCIA DI RICORDI"




(09/01/2024)


 

43° MEETING DELLA COMMISSIONE PERMANENTE SULLA CONVENZIONE DI BERNA



(12/12/2023)

Dal 27 novembre al 1° dicembre si è riunito a Strasburgo il 43° Meeting della Commissione Permanente sulla Convenzione di Berna (Convenzione sulla conservazione della vita selvatica e dell'ambiente naturale in Europa). A questo annuale incontro partecipano le delegazioni delle parti contraenti, compresa l'Unione europea, Stati osservatori, rappresentanti di organizzazioni governative e non governative, oltre che esperti indipendenti. Per l’ANUU, Associazione membro parte di FACE Italia, sempre attiva e che segue questi specifici appuntamenti europei, ha partecipato Ferdinando Ranzanici che monitora costantemente le attività che si svolgono sulla Convenzione di Berna presso il Consiglio d’Europa. Tra gli argomenti chiave della Convenzione di Berna vi è lo stato di conservazione delle specie e degli habitat, il controllo e l'eradicazione delle specie esotiche invasive, la conservazione degli uccelli, il ruolo della biodiversità e i cambiamenti climatici. In particolare, sono stati forniti suggerimenti sull’adozione degli orientamenti legislativi relativi all'uccisione, al prelievo e al commercio illegale di uccelli selvatici, in quanto è emersa la difficoltà di attuazione e adozione dei piani da parte di alcuni stati aderenti alla Convenzione. Altro argomento sempre molto attuale sono le specie invasive, valutate come uno dei principali fattori di perdita di biodiversità. La strategia dell'UE mira a gestire le specie esotiche invasive entro il 2030 e a ridurre del 50% il numero delle specie della lista rossa che minacciano la biodiversità. Grande attenzione e consenso da parte di tutte le parti contraenti ha riscontrato l’adozione di un Piano strategico per orientare gli obiettivi di conservazione della natura e i suoi progressi verso il 2030. Questo è stato un momento dell’assemblea davvero importante per la conservazione della fauna selvatica e degli habitat naturali europei. Piani e obiettivi erano già stati adottati e implementati nei precedenti anni di esistenza della Convenzione di Berna, tuttavia mai come quest’anno si è potuto vedere un testo così completo e snello con obiettivi chiari, indicatori ambientali ben definiti in linea anche con altre recenti strategie, in particolare quella della Commissione europea per la biodiversità 2030 e il quadro globale sulla biodiversità di Kunming-Montreal 2030/2050. Il Piano Strategico fa seguito all'adozione degli obiettivi e strategie definite nel 2021 da parte del Comitato di Visione per la Convenzione di Berna fino al 2030 e i suoi 4 principali obiettivi: l’importanza e valorizzazione del territorio e della sua connettività, l'integrità e la resilienza del patrimonio naturale e seminaturale con l’obiettivo di incrementare gli ecosistemi, anche attraverso aree protette e altre efficaci misure di conservazione da realizzare su aree che coprano almeno il 30% delle terre emerse e delle aree marine; l’impegno a migliorare lo stato di conservazione delle specie a rischio e il loro incremento. Particolare attenzione è stata data a quelle specie autoctone che sono in aumento, la cui riduzione o estinzione a causa della presenza umana è stata contenuta o fermata; la focalizzazione a mantenere e migliorare la flora e la fauna selvatica e i loro habitat naturali in modo sicuro e in presenza di un ambiente pulito, sano e sostenibile e, infine, la disposizione di risorse sufficienti che vengano utilizzate in modo efficiente al fine di raggiungere nei tempi stabiliti tutti gli obiettivi previsti nel Piano. Il presidente del comitato permanente Merike Linnmägi ha osservato che “sin dall’inizio dei lavori per l'attuazione del Piano strategico si terrà traccia dei progressi compiuti per vedere e valutare come i diversi strumenti introdotti e adottati possano aiutare le Parti nella sua attuazione” mentre il segretario della Convenzione di Berna Mikaël Poutiers ha osservato che “Il piano strategico aiuterà e semplificherà il lavoro di cooperazione tra le parti della Convenzione di Berna per una migliore protezione della biodiversità in Europa e oltre”. Insieme al Piano strategico è stata inoltre adottata una raccomandazione per valorizzare la sua attuazione, anche attraverso revisioni intermedie e finali. Nel 2024 verrà quindi istituito un gruppo di lavoro, composto da parti contraenti e organizzazioni di osservatori per sovrintendere alla completa realizzazione del Piano stabilito. Questa sessione ha dato molto risalto al Piano strategico per orientare gli obiettivi di conservazione della natura e i suoi progressi verso il 2030, a conferma dell’importanza della Convenzione di Berna a livello europeo, per la conservazione del patrimonio naturale e paesaggistico europeo. Ricordiamo ancora che la Convenzione di Berna è uno strumento giuridico internazionale in materia di conservazione della natura, che copre la maggior parte del patrimonio naturale del continente europeo e si estende anche in alcuni Stati dell'Africa. Ulteriori approfondimenti sono disponibili sul sito del Consiglio d’Europa al seguente indirizzo: https://www.coe.int/en/web/bern-convention/-/43rd-standing-committee-meeting (Ferdinando Ranzanici - Responsabile ANUU Natura 2000)
 

UNIVERSITÉ D’ETÉ :
LA SOSTENIBILITÀ DEI BILANCI DELLA SOCIETÀ



(02/10/2023)

La sostenibilità dei bilanci della società: è il momento della svolta? É stato il tema dell’ Université d’Eté, che si è tenuta il 9 settembre 2023 presso il suggestivo Monastero di Astino in Bergamo. L’incontro del Festival del Paesaggio era rivolto a tutti coloro che si occupano di paesaggio dal punto di vista legale e societario, dove sono state approfondite tematiche come concetto di bene giuridico centrale sia a livello locale che internazionale, sulla base dei principi della Convenzione Europea del Paesaggio. Anche in questa edizione è stata ricordata la memoria dell’Avv. Giovanni Bana, ideatore e principale artefice di questa iniziativa. Gli argomenti sono stati affrontati con la presenza di importanti rappresentanti delle istituzioni e di esperti in materia, quali la Dott.ssa Maguelonne Déjèant-Pons, Capo Divisione Patrimonio Culturale, Paesaggio e Gestione del Territorio del Consiglio d’Europa che ha delucidato gli strumenti giuridici internazionali europei legati alla convezione del Paesaggio, Claudio Teodori Professore Ordinario Dipartimento di Economia e Management di Brescia che ha interpretato questi concetti con applicazioni pratiche e Simona Maschi, CEO del “Copenaghen Institute of Interaction Design” che ha mostrato come una corretta applicazione dei principi della sostenibilità ambientale possano portare benefici e raggiungere obiettivi in contesti urbanistici. La giornata si è conclusa con le relazioni di Luca Bianchi, già Presidente di ATM e di Natascia Ghilardi “Sustainability Manager di Legami Spa” che hanno portato esperienze ed esempi di come la strategia della sostenibilità ambientale possa portare un valore aggiunto in ambito societario. Informazioni più dettagliate sul Convegno sono disponibili sul sito: Université d'Été (bergamobrescia2023.it). Ferdinando Ranzanici (Responsabile Natura 2000 e Premio Internazionale Ambiente)

NUOVO GRUPPO ANUU VALDARNO

(18/07/2023)

In data 30 Giugno 2023, presso la Sala della Musica di San Giovanni Valdarno (AR), è stato costituito il nuovo Gruppo ANUU Valdarno. Questa nuova realtà va ad unirsi al Gruppo storico della zona sito in Loro Ciuffenna creato dal compianto Dino Cardi. Alla presenza del Vice Presidente Regionale Terfiro Innocenti e del Delegato Provinciale Giorgio Paffetti, si sono svolte le elezioni con la nomina a Presidente del Gruppo di Fabio Azzutti, persona molto nota nella zona, di provate capacità e grande esperienza nell’associazionismo venatorio. Ad affiancarlo in questa nuova avventura, Leonardo Nuti, Alessandro Mariani, Raffaele Fontana e Giancarlo Chini. Era presente, inoltre, il dirigente ANUU Giovanni Bartolomei che ha portato i saluti della figlia Martina, recente campionessa europea di tiro a volo specialità skeet, chiamata a fungere da madrina d’eccezione al battesimo del nuovo Gruppo ma che, per motivi istituzionali, non ha potuto essere presente. Nell’occasione, sono stati dibattuti diversi temi caldi inerenti soprattutto alla politica venatoria regionale, toccando anche argomentazioni a livello locale e nazionale, sottolineando l’importanza dell’unità dei cacciatori accomunati tutti dalla stessa passione. É stato inoltre reso noto che è in avanzata fase di studio un interessante progetto inerente il colombaccio, che se troverà un positivo riscontro a livello regionale, verrà poi presentato a tutto il mondo ANUU a livello nazionale. Buon lavoro! (Giorgio Paffetti)

COMITATO GIOVANI:
AVANTI TUTTA CON I LAVORI

(21/06/2023)

In occasione della 64ª Assemblea Nazionale ANUU si è riunito il Comitato Giovani, che dopo un anno dal suo insediamento, ha tracciato il bilancio delle proprie attività, tra idee e progetti realizzati, altri ancora messi in cantiere da realizzare e qualche nodo ancora da sciogliere. In particolare, nel corso dei lavori si è discussa la necessità di dare vita a un nuovo modo di comunicazione tutto improntato sul digitale. Il divario tra i giovani e la caccia aumenta ogni giorno sempre di più, complici innumerevoli fattori, primo fra tutti il crescente, inesauribile utilizzo dei social che finiscono col catturare letteralmente l’attenzione dei giovanissimi sempre in cerca dell’ultimo selfie piuttosto che like o tweet da caricare.
L’incontro è terminato con un motto: partire/ripartire con la comunicazione via etere, investendo e valorizzando anche con la condivisione, sui principali social network diffusi tra i giovani e i giovanissimi, le notizie più significative che interessano il nostro mondo, con un occhio sempre rivolto alla promozione dell’attività venatoria, del rispetto ambientale, delle pratiche e discipline sportivo-agonistiche, dell’etica venatoria e delle attività correlate.

Presenti al tavolo dei lavori: Bica Marco, Campo Giuseppe, Lanzillotta Davide, Occhiuto Francesco, Pennacchia Francesco, Scaccia Simone, Terranova Salvatore, Taddei Matteo. Quest’anno il gruppo si è arricchito di tre nuovi e giovanissimi elementi: Andries Giulia, De Carli Marco e Meloni Gabriele.  

COMMISSIONE CINOFILA – 28 APRILE 2023


(08/06/2023)

Nella Sala Europa del Winter Garden Hotel di Grassobbio (BG) si è tenuta la riunione della Commissione tecnica cinofila nazionale ANUU, per la prima volta in presenza dalla data della nuova costituzione, poiché in precedenza si era tenuta in videoconferenza. Grazie alla tecnologia, ci si è potuti incontrare e dare una base alla nuova commissione che ha il compito di organizzare in tutte le regioni d’Italia tramite i propri componenti l’attività cinofila improntata a valori tecnici ma soprattutto etici e comportamentali. Il Direttore tecnico Antonio Vespa ha indicato i nominativi dei Giudici per la finale del 20° Campionato nazionale, che si terrà il 18 giugno presso l’Azienda Agrituristico Venatoria a Torre Baccelli di Fara in Sabina (RI): Sebastiano Valfrè e Giovanni Chiesti per i cani continentali e da cerca, Antonio Magnifico e Girolamo Pace per i cani inglesi. Durante il Torneo Sicilia, che si svolgerà sabato 17 giugno, sette saranno i giudici provenienti dalla Toscana, dal Lazio, dal Piemonte e dalla Puglia che, superando alcune prove, implementeranno l’elenco dei giudici ANUU. Alla riunione hanno partecipato i componenti del Comitato Esecutivo Paolo Crocetta, Sebastiano Valfrè e Giorgio Panuccio. La riunione è poi passata alla fase tecnica con integrazioni e modifiche al Regolamento della Commissione stessa e al Regolamento cinofilo cane cacciatore con sparo. Si è poi dato incarico al Direttore tecnico Antonio Vespa di effettuare sopralluoghi per verificare lo stato dei campi di prova a Torre Baccelli.

I lavori sono terminati con il saluto del Presidente della Commissione Pietro Spina che ha ringraziato i presenti dando appuntamento a tutti al 18 giugno.

Top
COOKIE
Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza sul sito. I cookie ci permettono di garantire le funzionalità fondamentali per la sicurezza, la gestione della rete e l’accessibilità del sito. I cookie migliorano l’usabilità e le prestazioni attraverso varie funzionalità come ad esempio le impostazioni della lingua, i risultati delle ricerche e quindi migliorano la tua esperienza.
Se vuoi saperne di più clicca qui: Cookie policy
Indispensabili  
 locked
Funzionalità  
Performance